Sulla poesia

Come un mare le nubi
si diradano in fretta
al levitare dei pensieri,
così i miei anni
che amano scrivere
lasciano spazio ad altra voce
per poi dissiparsi
al sospiro del giorno.
Ogni volta mi congedo da te,
antiquata dottrina,
per poi riprenderti d’improvviso
come un amore drogato,
come un vento nudo,
come un sentore d’ulivo che annuncia la primavera.
Allora il mio cuore si versa
a riempire dei versi gli spazi
mentre le campane suonano dolcemente,
annunciando l’unica mia libertà.